Entra nel mondo de LaPersonaggia: IL KARAOKE!

Il 2013 è stato l’anno in cui ho incontrato il buon maestro di vita Daniele Novello (non Mario Pacheco Don Nascimento), buon maestro di vita perché mi ha aperto le porte del mondo dei karaoke.

Consideravo l’atto di cantare in pubblico una cosa vergognosa e altamente lesiva della dignità umana, oltretutto, pensavo di non avere voce, di essere stonata e tutte quelle stupidaggini che si ripetono i timidi come mantra per non mettersi alla prova.

La prima canzone a cui il buon maestro mi ha spinto è stata “Baby One More Time” (e no, il maestro non è omofeffuale…xD): siccome il maestro ha un ego molto grande, cantare insieme è risultato fin da subito un problema anche perché le nostre voci si sposano male, anzi, malissimo.

Mi sono fatta coraggio e mi sono costruita un bel repertorio da solista mantenendo con l’amorevole maestro l’unico pezzo che ci viene bene (dopo ore ed ore di studio e prove, ovviamente): il pezzo è “I belong to you”.

Ora che sono qui a Milano “l’andar per karaoke” si è diradato per il semplice fatto che sono una studentessa povera in canna e mettere piede in un locale milanese significa dissanguare le mie esigue finanze: sono stata al 113, al Palo  Alto ma la sensazione di essere a casa manca.

Manca Il Mondo di Giselle, manca la Brasserie Houblon detta, non so per quale arcano motivo, Il Bellini, manca tantissimo la maratona di karaoke che si poteva fare al Pioniere il martedì.

Anche se ora vivo in appartamento, anche se ho mezza bronchite, anche se mia mamma dice che se faccio schiamazzi quelli del piano di sotto chiamano i carabinieri, io canto, come ho sempre fatto in casa, per strada, in doccia, ovunque mi vada.

Canto bene, male? Mio papà dice che ho la Pausinite perché urlo troppo, mia sorella dice che faccio canzoni brutte, il maestro ha con me qualche problema con le armonie perché io vado spesso per la mia strada (e il maestro è ossessionato, però!), al mio amore lontano dedico tante canzoni e ho convertito anche lui all’arte del “dillo con una canzone!”…insomma, cantare mi rende felice, felice, felice.

Come i cani, adesso, vi lascio un narcisistico ricordino.

 

Buon ascolto!

***

Nostro video divertente  sulle prove che abbiamo fatto per perfezionare I belong to you 😀

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*